venerdì 22 settembre 2017
Home / Domotica / Aprire una porta col bluetooth, in automatico
raspberry rilevare smartphone bluetooth

Aprire una porta col bluetooth, in automatico

A casa hai il tuo Raspberry Pi ad aspettarti, con collegati sensori, tapparelle, basculanti automatiche ed assistenti vocali, allarmi e quant’altro.. Ti manca solo un sistema per fargli sapere che sei rientrato in casa. Un buon modo, riconoscimento facciale e/o della retina a parte, sarebbe fargli rilevare il Bluetooth del tuo smartphone e di quello di ogni tuo familiare.

Il Bluetooth versione 4.0 attualmente ha un raggio di 30m , sufficente per vessere rilevato fuori dal garage, i nuovi Raspberry Pi poi hanno già integrato il modulo Bluetooth e WIFI risparmiandoci l’utilizzo di eventuali adattatori usb, limitando i costi, i problemi di compatibilità, i consumi e le dimensioni.

Ogni dispositivo Bluetooth ha un codice univoco, come per le schede di rete, chiamato MAC address, faremo in modo che il nostro Raspberry Pi lo rilevi, identificando in modo univoco il device di ogni familiare che l’abbia attivato e successivamente eseguirà un vostro script Python.

Prerequisiti

Per iniziare bisogna impostare lo smartphone in modo che conceda di essere rilevato da tutti gli altri dispositivi, di norma questa opzione sii trova nelle impostazioni, naturalmente sotto la voce Bluetooth.

Dopodichè, andranno intallati i software per la gestione del Bluetooth tramite Python3.

Trovare l’indirizzo dello smartphone

Se già non lo conosciamo, dobbiamo trovare il MAC address proprio del nostro cellulare con il seguente comando.

Lo script

Veniamo ora al sodo: diamo un occhiata al “canovaccio” per il vostro script in Python3.

Creiamo il file rileva.py , sotto trovate uno spunto su come comporre lo script, poi naturalmente sta alla vostra fantasia adattarlo alle vostre specifiche esigenze.

Un extra nel caso volessimo attivare dei relè

Utilizzo

Per avviare lo script è sufficente eseguire

oppure

Per abilitare l’avvio automatico

per avviarlo da ssh e lasciarlo attivo usiamo il comando nohup, oppure per chi volesse, il software Screen è una valida alternativa.

Abbiamo finito! Buon divertimento e.. Mi raccomando: postate i vostri progetti nel forum!

Riferimenti utili

Se vuoi restare aggiornato seguici sui nostri social: Facebook , TwitterYouTubeGoogle+Telegram

A proposito di Enrico Sartori

Tecnico Microsoft da oltre un decennio, appena ho tempo cerco di imparare un po' di tutto.

Vedi Anche

ESP8266 Guida Completa – Parte 4: Comandi AT

Eccoci, dopo la pausa estiva, a tornare a parlare di ESP8266 e dei suoi comandi …

Powered by themekiller.com