domenica 16 dicembre 2018
Home / Networking / Download Manager Aria2 , con interfaccia web in italiano

Download Manager Aria2 , con interfaccia web in italiano

Alcuni utenti mi hanno manifestato l’esigenza di un Download Manager “tipo JDownloader” da montare sul nostro piccolo Lampone elettronico.
Io che non ho praticamente mai usato Jdownloader, ho dovuto documentarmi un po’.
Dopo essermi velocemente documentato, ho capito che Jdownloader esiste anche per Raspberry, ma è scritto in Java, e necessita quindi di ambiente grafico. Su Raspberry è preferibile stare il più leggeri possibile tra CPU e RAM occupati, e spesso l’interfaccia è più un peso che altro, sopratutto se abbiamo la nostra scheda impegnata come mediacenter o server puro.
Esiste allora PyLoad, alternativa in Python, ma ho letto che non è aggiornato da tempo.
Il migliore sulla piazza è UGet, ma ha una interfaccia grafica.. anzi è una interfaccia grafica per Aria2..

Ma cosa è Aria2 ?

Aria2, è definito come uno dei migliori file download manager a linea di comando per Linux, con supporto per i protocolli HTTP, HTTPS, FTP, BitTorrent e Metalink. Aria2 può scaricare un file contemporaneamente da più fonti o protocolli e cerca di utilizzare la larghezza di banda massima di download (impostabile).
E è possibile utilizzarlo anche come daemon e.. Esiste anche una interfaccia web!
Mi sono chiesto allora se potesse funzionare sul nostro piccolino.. ma perché no?

Installazione

Aprite il terminale o una connessione SSH.
Come buona norma prima di una nuova installazione, procediamo a aggiornare il repository con:
sudo apt-get update
ora installiamo Aria2
sudo apt-get install aria2
Ecco qui. potrete già scaricare con uno strumento a linea di comando simile a WGET ma estremamente più potente: E’ già pienamente utilizzabile.
Vediamo alcuni esempi:
il download semplice:
aria2c http://www.sito.com/file.iso

Usando l’opzione -s possiamo usare più connessioni e accelerare così il download:
aria2c -s 4 http://www.sito.com/file.iso

E’ possibile scaricare lo stesso file usando più connessioni con protocolli diversi.
aria2c http://www.sito.com/file.iso ftp://sito.com/file.iso

Oppure si può compilare la “lista della spesa” dei file da scaricare in un file di testo, e poi dire a aria2 di leggerlo e fare la spesa:
aria2c -i lista.txt -j 5
In questo caso, l’opzione j indica il numero di download contemporanei.

Se non indicate altro, i file verranno scaricati sulla SD (tipicamente la vostra cartella utente, ~, quindi non esagerate con le dimensioni, nelle fasi di test).
Insomma, sono solo alcuni esempi, assolutamente non esaustivi delle cose che si possono fare, magari creando opportuni file di configurazione per scaricare da cloud o web share; vi rimando al wiki per una descrizione più completa delle opzioni.
Si si, lo so.. state già storcendo il naso e vi sta venendo mal di testa.. Niente paura! Non è indispensabile imparare a memoria tutti questi comandi e opzioni e consumare le proprie dita sul terminale: volevo solo farvi capire le potenzialità, ma come vi dicevo prima, esiste anche una interfaccia WEB, che, nell’ occasione, ho pensato di tradurre in italiano per tutti noi di RaspberryItaly.

Interfaccia web

Usiamo subito il nostro nuovo giocattolo per scaricare l’interfaccia web, tradotta in italiano! Digitiamo:
aria2c http://www.raspberryitaly.com/wp-content/uploads/2015/11/webui-aria2-master.zip
in pochi secondi avremo scaricato il file.
Andiamo ora a decomprimere l’archivio zip dell’ interfaccia web, la quale ci permetterà un aspetto migliore e di operare anche da altri dispositivi.
unzip webui-aria2-master.zip

Ora, se digiteremo il comando
aria2c --enable-rpc --rpc-listen-all -D
Lancerà Aria2 come demone (cioè come servizio in background), e resterà in ascolto di comandi (nel nostro caso di una interfaccia web).
Se vogliamo che questo servizio venga lanciato in automatico all’ avvio, digitiamo, sempre nel terminale il comando per editare il file /etc/rc.local:
sudo nano /etc/rc.local
e inserite, appena prima dell’ ultima riga che dovrebbe essere“exit”, una nuova riga contenente lo stesso comando dato su:
aria2c --enable-rpc --rpc-listen-all -D

Utilizzo e impostazione dell’ interfaccia web

Ora siamo a una scelta. Abbiamo diverse opzioni, a seconda del software presente sul nostro Raspberry o alle nostre preferenze o grado di esperienza.

La soluzione più semplice: interfaccia con Samba oppure sul dispositivo remoto
Se avete Samba sul RaspberryPi, dal vostro pc o smartphone dovreste essere in grado di navigare le directory del Raspy, trovate la directory webui-aria2-master scompattata in precedenza (se avete seguito questa guida alla lettera, è nella vostra home directory), e al suo interno il file index.html. Tasto destro su questo file e apri con.. e scegli il browser. Con lo smartphone, usare un file manager e effettuare l’operazione analoga.
A quel punto si aprirà nel browser l’ interfaccia web. Mettetela tra i preferiti, e la prossima volta, basterà richiamarla.
Se non avete Samba installato e configurato sul Raspberry, allora mettete l’interfaccia in locale, invece che sul Raspberry: scaricate il pacchetto dell’ interfaccia web direttamente sul dispositivo da cui volete comandare Aria2. Scompattatelo e poi aprite il file index.html . Le volte successive, non dovrete naturalmente riscaricare l’interfaccia, ma solo aprire il file index.
Terza opzione: esiste la versione on-line, che troverete sempre aggiornata (questa è quella ufficiale, quindi non sarà tradotta in italiano come la nostra): http://ziahamza.github.io/webui-aria2/

In alternativa, è possibile impostare un webserver sul Raspberry Pi per gestire l’interfaccia web. Questa soluzione, esula dallo scopo di questa guida, e è una finezza a cui si può fare a meno, e che consiglio solo a chi già utilizza un webserver per altri motivi ed è in grado di configurarlo correttamente anche per l’interfaccia web di Aria2.

Utilizzo dell’ interfaccia
L’utilizzo è abbastanza intuitivo: nella colonna di sinistra abbiate cura di impostare la cartella di destinazione dei vostri download, mentre le operazioni le fate con i tre menù in alto: Aggiungi, per aggiungere nuovi download, gestisci per gestirli e Configurazione per configurare tutti i parametri di questo programmino che farà la felicità degli utenti base come di quelli più esperti, che potranno variare ogni parametro, e creare diverse configurazioni personalizzate, da richiamare a seconda dei casi, secondo le proprie preferenze.

Qui trovate la discussione di riferimento sul forum

A proposito di Zzed

Zzed
Appassionato di informatica alternativa, ma perenne novellino di Linux..

Vedi Anche

MagPi In Italiano! Numero 76: La Superguida Raspberry Pi

Natale si avvicina, ma più veloce di Babbo Natale c’è la traduzione del numero di …

Powered by themekiller.com