domenica 5 Dicembre 2021
Home / Hardware / Nuovo Modello! Raspberry Pi Zero 2 W
Pi Zero 2 W

Nuovo Modello! Raspberry Pi Zero 2 W

Oggi, La fondazione Raspberry Pi presenta un nuovo modello: Raspberry Pi Zero 2 W.

Diamo subito una occhiata alle..

Specifiche

  • SoC Broadcom BCM2710A1, quad-core a 64 bit (Arm Cortex-A53 a 1GHz)
  • 512 MB SDRAM LPDDR2 
  • LAN wireless IEEE 802.11b/g/n a 2,4 GHz, Bluetooth 4.2, BLE
  • 1 porta USB 2.0 con OTG
  • Uscita mini HDMI
  • Connettore GPIO a 40 pin compatibile alla specifica HAT
  • Slot per scheda MicroSD
  • Piazzole per uscita video composto e reset
  • Connettore CSI-2 per videocamera
  • Decodifica H.264, MPEG-4 (1080p30); Codifica H.264 (1080p30)
  • Grafica OpenGL ES 1.1, 2.0
  • Prezzo: 15$

Atteso?

Si, diciamo che era atteso, personalmente lo pronostico da tempo, visto che era logico aspettarselo. L’ultima volta ne ho parlato proprio nell’ultimo articolo, pochi giorni fa. Sono un grande fan del Pi Zero, piccolo ma non limitato come un microcontrollore. Ho sbagliato solo la previsione della RAM, ero convinto che nel 2021, 1GB di RAM fosse il minimo. Forse la crisi dei semiconduttori ha giocato anche qui il suo ruolo. In realtà, lo spazio sullo Zero è molto risicato, e metterci un chip di memoria e un SoC più grossi (insieme alla parte Wireless schermata e certificata FCC) è stato un problema. La soluzione è stata creare un packaging (RP3A0) che li mette uno sopra l’altro, con le accortezze per dissipare il calore verso l’esterno che una tale sfida richiede. Il risultato è che si può usare tranquillamente senza dissipazione, proprio come lo Zero originale. potete leggere più dettagli su questa soluzione tecnica nel post sul sito ufficiale.

RPI3AO Soc Pi Zero 2 W

Perché previsto? Perché il Pi Zero originale è uscito oramai 6 anni fa, Ed è un modello importantissimo, a mio modo di vedere, per la Fondazione Raspberry. Nato grazie all’ispirazione (e a un contributo di finanziamento) da parte di Google, si avvicina moltissimo allo scopo principe della Fondazione Raspberry: realizzare un computer al prezzo più basso possibile, tendendo a “Zero“.
Previsto perché è logico che tutti i modelli della prima linea di produzione siano a 64bit, per potersi concentrare sullo sviluppo di una unica versione di OS, più prestante.
Logico perché Pi Zero è tuttora una soluzione validissima per quelle applicazioni che richiedono una alimentazione “di fortuna”, a batteria o con pannello solare, gli indossabili, quelli a bordo di veicoli semoventi e robot, grazie al suo consumo particolarmente parco.
Proprio per mantenere questa caratteristica, è stato utilizzato il SoC di partenza del Raspberry Pi 3, abbassando il Clock a 1Ghz. Per prestazioni più elevate, si può over-cloccare con opportuno raffreddamento, ma ripeto, la forza del Pi Zero è che è piccolo, leggero e consuma poco.

Vantaggi

I vantaggi più evidenti rispetto allo Zero W “vecchio” sono il SoC più veloce, che permette di essere 4-5 volte più prestante nel calcolo puro, ha core multipli ed è a 64 bit, può quindi trarre vantaggio dai software scritti per sfruttare queste caratteristiche. I

Il Wifi è ora schermato e con certificazione modulare FCC al pari degli altri modelli, il che semplifica l’utilizzo di Raspberry Pi Zero 2 W all’interno di realizzazioni industriali/commerciali. 

Pi Zero 2 W Wifi

Dubbi

L’unico dubbio è l’uso di browser, con 1 solo GB di RAM, attuale tallone d’Achille dello Zero attuale. Vedremo nell’uso pratico. Non è prevista, al momento, una versione di Zero 2 W con 1GB di RAM, principalmente per il montaggio sopra al Soc che non è esattamente la cosa più semplice del mondo.

Anche mantenere una uscita mini HDMI, è una scelta immagino sofferta. Per i modelli A e B fini al Raspberry Pi 3B+ compreso, è necessario un cavo HDMI standard, per gli Zero, un cavo mini HDMI, per il Pi 4 e 400, un cavo (o 2) micro HDMI. Questo ci obbliga a avere tutte le tipologie di cavi, se si usano più modelli per sperimentare. La Fondazione ha deciso di dare priorità alla compatibilità di accessori: praticamente tutti gli accessori, cavi, case studiati per Raspberry Pi Zero / Zero W, andranno bene anche per Raspberry Pi Zero 2 W, senza necessità di essere adattati.

Prezzo

Raspberry Pi Zero 2 W costa 15$ , 5$ in più di Raspberry Pi Zero W. Che si traduce in circa 16€ dai rivenditori ufficiali. Tutti i prodotti Raspberry hanno un prezzo fisso, stabilito al loro lancio. Chi vende a prezzi sensibilmente più altri di questa cifra, non è un rivenditore ufficiale e… ecco, non fatevi fregare.

Raspberry Pi Zero 2 W sarà inviato in regalo a tutti gli abbonati alla rivista ufficiale The MagPi!

 

Se vuoi restare aggiornato, seguici anche sui nostri social: FacebookTwitterYoutube

Se vuoi anche trovare prodotti e accessori Raspberry Pi in offerta, seguici anche su Telegram!!

A proposito di Zzed

Zzed
Appassionato di informatica alternativa, ma perenne novellino di Linux..

Vedi Anche

MagPi 111 doppiapagina

MagPi in Italiano! Raspberry Pi Zero 2

Estratto, tradotto in italiano, di The MagPi N°111, la rivista ufficiale della Fondazione Raspberry Pi.

Powered by themekiller.com