venerdì 14 Maggio 2021
Home / About us / Nuovo di Raspberry. Da dove comincio?
faro nella notte

Nuovo di Raspberry. Da dove comincio?

Sei nuovo di Raspberry Pi? Questa è la guida da leggere! La Fondazione Raspberry Pi ha venduto oramai 37 milioni di unità nel mondo, ha appena sfornato un carinissimo erede degli home computer anni ’80 (Raspberry Pi 400), ed è appena entrata anche nel mondo dei microcontrollori con il Raspberry Pi Pico. Quindi molti nuovi utenti si avvicinano a questi apparecchi. E noi siamo qui per aiutarli e per dare loro il benvenuto.

Dove sono?

Sei in RaspberryItaly.com, il portale che vuol essere la “casa” degli utenti Raspberry Pi italiani. Pensiamo che avere un solo posto dove raccogliere le informazioni, dare supporto alla community, appoggiare e dare visibilità a chi crea, favorire lo scambio di idee e di consigli, sia utile sia al nuovo arrivato che comincia adesso, ma anche a chi è più esperto. Un posto dove trovare chi condivide la tua stessa passione.

Il FORUM 

E’ il cuore pulsante del portale, è qui che gli utenti si incontrano, trovano le informazioni, nascono le idee. Qui puoi trovare le decine di migliaia di iscritti, e ognuno di essi qui può avere voce. E’ la community italiana Raspberry Pi più grande. Abbiamo scelto di prediligere un forum perché abbiamo necessità di tenere ordinate le informazioni, catalogate, e perché offre più spazio per trattare anche argomenti complessi, nei tempi che si vuole, mentre con altri mezzi ora un poco più di moda, come i social, i post devono essere brevi, e le informazioni di appena qualche settimana fa sono difficili fa trovare, mentre a noi serve tenerne memoria, in modo che chi ha già risolto un problema nel passato, possa tornare utile a chi, in futuro, si ritrovasse alle prese con lo stesso problema, per una condivisione di esperienze, anche differita.

Il BLOG 

Le news importanti, le guide, i tutorial, gli articoli le recensioni e le pubblicazioni delle traduzioni, sono postate nel blog (che è questo in cui sei ora). Qui c’è un cerca (differente da quello presente nei forum) con cui potrai trovare quel che ti interessa, o delle categorie che suddividono gli articoli. Le migliori pratiche o progetti che emergono dallo scambio e dall’esperienza sul campo del forum, possono venire trasformate in guide sul blog.

I SOCIAL

Siamo presenti, naturalmente, anche sui social più diffusi, ma non una presenza fine a sé stessa: è un modo per seguirvi più da vicino e darvi maggior visibilità delle ultime pubblicazioni del blog, o notizie urgenti o per i sondaggi ecc. Tutte le nostre pagine social, vi rimanderanno poi al blog o al forum, per eventuali approfondimenti, per trattare gli argomenti con la giusta completezza. Su Telegram abbiamo anche una serie di segnalazioni di offerte e sconti di materiale inerente il making o Raspberry Pi.

Ok, Ho preso un Raspberry Pi, e ora? Come comincio?

Bene! Ottima scelta! Ci sono tre grandi filoni di prodotti Raspberry: i computer, i microcontrollori, e i Compute Module, computer pensati per l’uso industriale.

Raspberry Pi Zero/Pi 3/Pi 3A/Pi 3B+/Pi 4/Pi 400

Pi 400

Pi 4

(E anche gli altri modelli meno recenti), complimenti! Hai tra le mani un micro computer Raspberry Pi! Le possibilità di questo aggeggio sono infinite, puoi usare con profitto i moderni Pi4 e Pi 400 come home computer per compiti desktop, anche videochiamate e applicazioni office, tutti i modelli possono essere usati per divertirsi nell’apprendimento della programmazione per il phisycal computing (interfacciarsi al mondo esterno tramite il GPIO), nella robotica, domotica, automazione, senza dimenticare l’emulazione, il retrocomputing e il multimedia. Il 99% del portale è dedicato a questi prodotti, qui trovate un mare di informazioni.

Per non perdervi, forse il miglior posto dove cominciare è il libro (in italiano) che la Fondazione Raspberry Pi ha preparato per i nuovi utenti.

Guida Raspberry Pi

Periodicamente la Guida ufficiale di partenza è pubblicata anche sulla rivista ufficiale Raspberry Pi (The MagPi) di cui trovate da anni, sul blog, un estratto tradotto nella nostra lingua nello stesso mese di pubblicazione della rivista originale. Raccoglie anche progetti, approfondimenti, reportage.. non perderla!

MagPi 101 cover

Pi Pico

Pico

Se hai preso un microcontrollore Raspberry Pi Pico, significa che non sei proprio un nuovo utente, rispetto alla tecnologia, ma almeno un po’ smanettone. Ecco per te

Pi Compute Module 3/4

Compute Module 4

Se hai un Compute Module, sei un utente esperto. Questa versione, infatti, è progettata per l’uso industriale, non può funzionare da sola, ma necessita di una scheda di supporto che gli fornisca almeno l’alimentazione e gli I/O che intendi usare. La possibilità di avere la memoria di massa su memoria flash eMMC, e di esporre alcune interfacce come la PCie, può essere interessante per l’utente evoluto. 

Chi produce Raspberry Pi?

I prodotti Raspberry Pi sono prodotti da una fondazione di beneficenza: la Raspberry Pi Foundation. Il loro scopo è produrre il computer al prezzo più basso possibile e diffondere la cultura informatica e il suo insegnamento. Non c’è scopo di lucro, e non ha fabbriche produttive. Questo significa che i prezzi dei prodotti ufficiali (che sono fissi) sono il minimo possibile che potevano ottenere. Molti prodotti sono realizzati per la Fondazione da grossi produttori di elettronica (su licenza) come Element14, RS e Farnell. Altri, dove non c’è nemmeno il margine per questi produttori, sono prodotti direttamente dalla Fondazione (Pi Zero, Pi 400) che affitta lo stabilimento Sony UK TEC a Pencoed, Galles. Questo comporta anche dei lotti di produzione con pezzi limitati ogni tot tempo. Quindi, comprate i prodotti Raspberry Pi dai rivenditori ufficiali, e se sono esauriti, prenotatevi e aspettate qualche settimana: vanno a ruba! 

Che sistema operativo metto?

Raspberry Pi è una piattaforma ARM e usa Linux. Abbandonate, per favore, l’idea di prendere un Raspberry Pi e installarci Windows 10 o Android. La piattaforma non è sviluppata per quello. Qualcuno di molto esperto ci si è dedicato giusto per vedere se ci riusciva, e ha ottenuto qualcosa di vagamente funzionante, ma sono versioni non ufficiali, solitamente mancanti di molte parti, instabili e che non sfruttano nemmeno il 20% della potenzialità dell’ hardware di Raspberry Pi. Se siete interessati a questi sistemi, acquistate un dispositivo progettato per essi.

Raspberry Pi OS!

Raspberry Pi OS

Il sistema operativo da cui partire, senza ombra di dubbio, è uno solo: Raspberry Pi OS. E’ il sistema operativo ufficiale, sviluppato dalla Fondazione Raspberry Pi stessa, per il suo hardware, derivata da Debian. Non esiste altra distribuzione software che meglio si integri con l’hardware di Raspberry, e le guide, i tutorial, la documentazione e le risorse che troverete in rete, fanno sempre riferimento ad essa. E’ un ambiente desktop che permette di fare un uso generale, ha preinstallato e pre-configurati molti software utili, alcuni modificati appositamente per Raspberry e potete usarlo sia per metterci Kodi, che per programmare, che per emulare o quant’altro. Poi, una volta preso confidenza, potrete decidere di passare a distribuzioni specifiche, se è il caso, come DietPi per progetti embedded o OSMC/LibreElec per il multimedia o Retropie/Lakka per l’emulazione ecc.. Magari poteste decidere di provare un altro ambiente desktop come Ubuntu o Manjaro, ma per favore non fatelo nuovo nuovo al primo avvio, non re-inventate l’acqua calda perché il vostro amico smanettone che ha un pc Linux vi ha detto che quel sistema è figo, pena avere un sacco di problemi per fare le cose semplici e non sapere come risolverli, avendo così una pessima esperienza con Raspberry Pi. Vedi anche i consigli che diamo e che gli altri, non danno.

Cosa posso farci?

IoT

Tutto! Spesso ripetiamo una frase “l’unico limite, è la fantasia”. Raspberry Pi è molto versatile, può fare da filtro di rete (Pi-Hole) così come animare un braccio robotico, irrigare il giardino, così come visualizzare delle informazioni su un displaycomandare motori, o puoi usarlo nel campo della IA o della domotica. Solo, non dimenticare mai che è un computer educativo. Può fare praticamente tutto, ma se ci fai un NAS, non puoi pretendere abbia prestazioni e affidabilità pari a un NAS commerciale, lo stesso se lo usi come antifurto, o come mediaplayer.  La vera forza di Raspberry Pi è che ti permette di fare tutto quello che ti passa per la mente, non devi spendere un capitale per farlo, e se non lo sai fare, c’è una grande documentazione in rete, e una community sconfinata che è pronta a aiutarti.

Se vuoi restare aggiornato, seguici anche sui nostri social: FacebookTwitterYoutube

Se vuoi anche trovare prodotti e accessori Raspberry Pi in offerta, seguici anche su Telegram !!

A proposito di Zzed

Zzed
Appassionato di informatica alternativa, ma perenne novellino di Linux..

Vedi Anche

Corso C

Lezione 7 – I file

In questa lezione sono state illustrate le varie tecniche per interagire con i file: scriverli, leggerli, usarli come input ed output. Sono anche mostrati i file binari.

Powered by themekiller.com